Blog: http://efesto.ilcannocchiale.it

Attenti al cane!

Un paio di giorni fà è stata data la terribile notizia che un bimbo di meno di un anno è stato aggredito e ucciso da uno dei due cani di casa, un mastino napoletano.
Le informazioni sono state contraddittorie: il cane aveva dato precedenti segnali di aggressività, il cane è sempre stato buono ed affidabile. Insomma, per farla breve, come ogni volta accade in questo paese di sensazionalismi, a seguito di qualche episodio drammatico parte la caccia alle streghe.
Conclusione tratta dalle chiacchiere da bar: tutti i cani, essendo animali, sono potenzialmente pericolosi e devono essere tenuti alla larga dai bambini!
Eppure mi risulta che negli ultimi anni si sia diffusa la pet therapy ossia l'interazione tra l'uomo e l'animale, anche e soprattutto il cane, come ausilio per coloro che si trovano in difficoltà, siano essi anziani, bambini o disabili. Mi risulta che da sempre i cani offrano un servizio eccellente per i non vedenti.
Giungo alle conclusioni: mi è stato detto che il Muso, essendo un animale e come tale incontrollabile, deve essere tenuto lontano da mia nipote che ha, guarda caso, più o meno la stessa età del bambino morto a seguito dell'incidente. E' inutile dire che il Muso ed io siamo profondamente offesi. E' come dire che siccome un uomo ha violentato una donna tutti gli uomini sono potenziali violentatori. Che se un uomo è corrotto, siamo tutti corrotti, che se un uomo è un assassino siamo tutti killer.

In un attimo, e per una notizia comunque drammatica, si parte per la tangente e si arriva a conclusioni irrazionali. Mi dispiace per i cani, che da sempre hanno dimostrato la loro lealtà per l'uomo. Questo è il ringraziamente che viene loro dato dalla razza umana.

Pubblicato il 15/2/2009 alle 15.48 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web