Blog: http://efesto.ilcannocchiale.it

senza titolo

Apologia dell’inutilità

questo strazio dell’anima

per vane briciole d’illusione.

Non più Dio, non più mito,

non più uomo,

piccola lucciola

che hai illuminato troppe notti

prima di morire nel mio bicchiere

allo spuntare di una fredda

desolata alba d’estate.


Madredeus, "Ao longe o Mar"


Pubblicato il 15/8/2008 alle 22.41 nella rubrica Poesia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web